Centro Studi ItalianiTM

Welcome to the The Italian Electronic Classroom!TM


L'ACCENTO


Le particelle "ci" e "vi"

1. Ci e vi oltre che pronomi personali (diretti, indiretti, rilfessivi, reciproci) possono essere pronomi dimostrativi con valore di:

a ci, a questo, a questa cosa, in ci, su ci...

Esempi: Non ci penso = Non penso a questo, (a ci).

Non ci vedo niente di male = Non vedo niente di male in questo, (ci).

Ci ho riflettuto = Ho riflettuto su questo (ci).

2. Ci e vi possono inoltre essere avverbi di moto a luogo e stato in luogo, con il significato di: in questo (quel) luogo.

Esempi: Ci, (vi) andr = Andr l, in quel luogo

Vogliamo venirci. = Vogliamo venire qui, in questo luogo.

Nota bene L'avverbio ci (vi) precede il verbo essere quando il soggetto posposto al verbo, o quando il soggetto un pronome interrogativo.

Esempi: Il mio libro l.

Ma: L c' il mio libro.

C' il mio libro l?

Chi c'era alla festa? C'erano tutti i nostri amici.

Che c' di nuovo? Non c' niente di nuovo.

3. Quando usato in congiunzione con ne nell'espressione esserci ci cambia in ce

Esempio: Ci sono molti passeggeri. No, non ce ne sono molti.

4. Pu sostituire una frase introdotta da a + l'infinito.

Esempio: Domani vado a fare i compiti al laboratorio. Domani ci vado.

5. Nella lingua parlata viene usato molto spesso in forma pleonastica con il verbo "avere". 

Esempio: C'hai fame?" S, c'ho fame"

Vedi anche Verbi coniugati con due particelle pronominali.

Per esercizi con il "ci" vedi Oral Drills on Italian Grammar #4

 

Back to The Italian Electronic Classroom! Index

Back to our homepage


Comments, suggestions, requests? We'll be happy to hear from you!

E-Mail: italian@locuta.com


2004 by Centro Studi ItalianiTM